Voi siete qui

Titoli di studio

Laurea

torna su

Di cosa si tratta

Il corso di laurea è il primo livello degli studi universitari: prevede una durata di tre anni e l’acquisizione di 180 crediti. Con il diploma di laurea si consegue il titolo di Dottore.
I corsi di laurea con obiettivi formativi comuni e stesse attività formative sono raggruppati in classi di appartenenza: il Decreto Ministeriale del 16 marzo 2007 ha istituito 43 classi di laurea.
Esistono inoltre 4 classi di laurea delle professioni sanitarie e 1 classe di laurea nelle Scienze della difesa e della sicurezza.

Obiettivo

L’obiettivo principale dei corsi di studio di primo livello è quello di consentire l’acquisizione di metodi e contenuti scientifici generali, che forniscano solide basi per il proseguimento degli studi (con un corso di laurea magistrale oppure con un master di primo livello); a fianco di un apprendimento di tipo teorico deve essere inoltre assicurata l’acquisizione di competenze e di strumenti utili per lo svolgimento di una professione, attraverso stage e tirocini formativi.
L’acquisizione di competenze per lo svolgimento di professioni specialistiche è però demandata al percorso di laurea magistrale.

Requisiti

Per essere ammessi a un corso di laurea è richiesto un diploma di scuola superiore o un titolo di studio equivalente conseguito all'estero.
Nei regolamenti didattici dei corsi di studio sono definite le conoscenze minime necessarie per l’accesso e le modalità di verifica della preparazione degli studenti. Tali verifiche possono aver luogo anche a conclusione di attività formative propedeutiche svolte in collaborazione con le scuole superiori. Nel caso in cui la verifica non dovesse avere esito positivo, entro il primo anno di corso lo studente dovrà colmare gli eventuali debiti formativi, derivanti da una preparazione iniziale non adeguata.

Il percorso

I regolamenti didattici di Ateneo prevedono che gli studenti di corsi di laurea della stessa classe o di gruppi affini che condividono le stesse attività formative di base e caratterizzanti comuni per un minimo di 60 crediti, vengano immatricolati a corsi di base comuni prima della differenziazione dei percorsi metodologico-formativo per chi intende proseguire gli studi con una laurea magistrale e professionalizzante per chi è orientato all’inserimento nel mercato del lavoro.
Il percorso didattico di un corso di laurea prevede lezioni in aula e relativi esami, seminari, laboratori, attività pratiche, esercitazioni individuali o guidate, tirocini, e inoltre la verifica sia della conoscenza di una lingua straniera, scelta dallo studente tra quelle dell'Unione europea, sia di competenze informatiche di base.
Il corso di laurea si conclude con una prova finale, che non consiste nella tradizionale tesi. Le modalità della prova sono stabilite dai singoli Atenei: si tratta in genere di elaborati o relazioni.

Dove porta

Dopo un corso di laurea, il laureato potrà:

  • inserirsi nel mondo del lavoro e accedere alla maggior parte delle attività lavorative del suo ambito
  • accedere ai concorsi nella pubblica amministrazione e iscriversi agli albi professionali nella sezione B
  • proseguire gli studi con un corso di laurea magistrale, oppure con un master di primo livello o con un corso di perfezionamento.

Laurea magistrale a ciclo unico

torna su

Di cosa si tratta

E’ un corso di laurea della durata di 5 o 6 anni regolato da normative dell’Unione europea o finalizzato all’accesso alle professioni legali che non prevede un percorso di primo livello e consente di acquisire 300 o 360 crediti. Con il diploma di laurea magistrale a ciclo unico si consegue il titolo di Dottore Magistrale.
I corsi di laurea magistrale a ciclo unico sono istituiti all’interno delle classi di laurea magistrali.

Obiettivo

Il corso di laurea magistrale a ciclo unico consente di acquisire conoscenze di livello avanzato per l’esercizio di attività di elevata qualificazione in specifici ambiti regolati da normative europee (Medicina e chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, Medicina veterinaria, Farmacia, Chimica e tecnologia farmaceutiche e Architettura) e per l’accesso alle professioni legali.

Presso l’Università degli Studi di Milano sono corsi di laurea magistrale a ciclo unico i corsi di: Farmacia, Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF), Giurisprudenza, Medicina e chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria e Medicina veterinaria.
Il corso di laurea in Giurisprudenza (dapprima laurea magistrale della durata di 2 anni) è diventato una laurea magistrale a ciclo unico a partire dall’anno accademico 2006/2007 (Decreto Ministeriale del 25 novembre 2005).

Requisiti

Per essere ammessi a un corso di laurea magistrale a ciclo unico è richiesto un diploma di scuola superiore o un titolo di studio equivalente conseguito all'estero.
I corsi di laurea in Architettura, Medicina e chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria e Medicina veterinaria sono corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale che prevedono pertanto una prova di ammissione stabilita dal Ministero dell’Università e della Ricerca.

Il percorso

Il percorso didattico di un corso di laurea magistrale a ciclo unico prevede attività di didattica formale (lezioni in aula, seminari), attività pratiche (laboratori, esercitazioni) e attività professionalizzanti svolte presso strutture universitarie o altre strutture convenzionate. E' inoltre prevista la verifica della conoscenza di una lingua straniera, scelta dallo studente tra quelle dell'Unione europea, e di competenze informatiche di base. Rientra nel percorso didattico un periodo di tirocinio.
Il percorso si conclude con la tesi di laurea elaborata in modo originale sotto la guida di un relatore. Per i corsi di laurea in Medicina e chirurgia e Odontoiatria e protesi dentaria, tale attività è definita "internato di laurea".

Dove porta

Dopo un corso di laurea magistrale a ciclo unico, il laureato potrà:

  • inserirsi nel mondo del lavoro
  • partecipare all’esame di Stato per l’esercizio delle professioni di Medico Chirurgo, Farmacista, Veterinario, Odontoiatra
  • accedere ai concorsi nella pubblica amministrazione
  • proseguire gli studi con un master di secondo livello, con un corso di perfezionamento, con un corso di specializzazione o con il dottorato di ricerca.

Laurea magistrale

torna su

Di cosa si tratta

La laurea magistrale è un percorso di studio successivo alla laurea. Prevede una durata di due anni e l'acquisizione di 120 crediti. Con il diploma di laurea magistrale si consegue il titolo di Dottore Magistrale.
I corsi di laurea magistrale con obiettivi formativi comuni e stesse attività formative sono raggruppati in classi di appartenenza: il Decreto Ministeriale 16 marzo 2007 ha istituito 94 classi di laurea magistrale.
Esistono inoltre 4 classi di laurea specialistica delle professioni sanitarie e 1 classe di laurea specialistica nelle Scienze della difesa e della sicurezza.

Obiettivo

L’obiettivo del corso di laurea magistrale è di consentire una specializzazione delle conoscenze e delle competenze acquisite con la laurea triennale: ne deriva una formazione di più alto livello per consentire l'esercizio di specifiche professioni che richiedono un'elevata qualificazione.

Requisiti

Per essere ammessi a un corso di laurea magistrale è richiesta una laurea o un diploma universitario di durata triennale o un titolo di studio equivalente conseguito all'estero.
Alcuni corsi di laurea magistrale possono prevedere un numero programmato stabilito dal singolo Ateneo o a livello nazionale.
Per tutti gli altri corsi i regolamenti didattici di Ateneo definiscono i requisiti curriculari richiesti per l’accesso  e le modalità di verifica della preparazione personale del laureato.

Il percorso

Il percorso didattico di un corso di laurea magistrale prevede lezioni in aula e relativi esami, seminari, laboratori, attività pratiche, esercitazioni individuali o guidate.
Per fornire adeguate conoscenze pratiche per l'accesso al modo del lavoro, è prevista inoltre la possibilità di svolgere tirocini e stage, presso strutture esterne o interne all'Ateneo.
Il corso di laurea magistrale si conclude con la discussione della tesi di laurea elaborata in forma originale dallo studente sotto la guida di un relatore.

Dove porta

Con la laurea specialistica il laureato potrà:

  • inserirsi in specifici ambiti del mondo del lavoro con un'elevata qualificazione
  • accedere ai concorsi nella pubblica amministrazione e iscriversi agli albi professionali nella sezione A
  • proseguire gli studi con un master di secondo livello, oppure con un corso di perfezionamento, con un corso di specializzazione o ancora con il dottorato di ricerca.